Home

In Europa l’industria delle costruzioni rappresenta uno dei principali settori economici delle singole nazioni e fornisce un significativo bacino d‘occupazione con un fatturato annuo che supera i 900 miliardi di euro. Il settore però presenta forti elementi di rischio; ogni anno muoiono più di mille lavoratori e circa 800.00 restano seriamente feriti.

Deadly construction superintendent in helmet

Ogni anno, circa 600.000 lavoratori entrano in contatto con l’amianto sui cantieri; quasi la metà dei lavoratori riporta problemi muscolari gravi e perdita dell’udito a causa dell’esposizione a inquinamento acustico.

Secondo i dati raccolti dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro, 1.2 milioni di persone muoiono ogni anno a causa di malattie professionali e incidenti sul lavoro. In Italia si registrano circa 120 incidenti ogni anno.

Tuttavia, nel primo quadrimestre del 2013 si sono verificati meno incidenti rispetto agli anni precedenti. Ciò dimostra l’efficacia delle azioni intraprese per migliorare gli standard di Salute e Sicurezza sul lavoro.

L’Associazione dei Costruttori Edili della Polonia, coordinatore del progetto SERIO, insieme a CIAPE e ad altri organismi ed istituzioni è coinvolta in una serie di attività finalizzate allo sviluppo del sistema di salute e sicurezza del settore.

www.porozumieniedlabezpieczenstwa.pl.

logo 1

SERIO si rivolge a tutti gli stakeholder del settore edile per promuovere gli standard di salute e sicurezza sul lavoro creando ambienti lavorativi più sicuri, sani e produttivi.

Obiettivo del progetto è identificare e raccogliere una serie di Buone Prassi in materia di Salute e Sicurezza e creare un’applicazione multimediale per la formazione che sia condivisa ed accessibile.

Il consorzio intende basare il proprio lavoro sulle esperienze dei partner e sulle soluzioni sperimentate in altri paesi.

Questo progetto è stato finanziato con il supporto della Commissione Europea. Questa pubblicazione rispecchia il punto di vista degli autori e la Commissione non può essere ritenuta responsabile per ogni uso che possa essere fatto delle informazioni in essa contenute.